Altri percorsi

Da Colorno alla terra di Peppone e Don Camillo, tra arte e natura, in un itinerario lungo le acque del torrente Parma, dell’Enza e del Grande Fiume.

Da Piazza Garibaldi a Colorno si oltrepassa il Ponte di mezzo e si gira a destra per Via Mentana costeggiando il torrente Parma. All’altezza di Via Roma si gira a destra fino al bivio per seguire a sinistra l’indicazione per Via Argine a destra del Parma. In località Copermio è possibile ammirare dalla strada il piccolo Oratorio della Vergine del Buon Cuore. Proseguendo lungo Via Argine destro, dopo circa 6 km, si giunge a Mezzano Superiore. Si gira a destra per Via Antonio Gramsci fino al bivio per Mezzano Inferiore. Da qui si gira a sinistra immettendosi in Via Partigiani d’Italia: si supera la località Casale di Mezzani, Mezzano Inferiore e in località Coenzo si attraversa il ponte sull’Enza e si prosegue, lungo l’argine del torrente, verso Brescello, con un percorso che può essere fatto parzialmente anche su sterrato.

A Brescello non può mancare una visita al Museo di Peppone e Don Camillo i cui ambienti contengono numerosi cimeli legati alle riprese della serie tra cui: la moto di Peppone, l’abito talare di Don Camillo, le biciclette dei protagonisti usate nella scena finale del terzo film, il sidecar e il proiettore con cui venne mostrato il primo film (“Don Camillo”, regia di Julien Duviver, 1952) al “Cinema Verdi” di Brescello, in prima mondiale assoluta.

Usciti dal paese in direzione dell’argine, girare a sinistra per Parma. All’altezza di una piccola darsena si attraversa un ponticello pedonale in ferro che porta sulle rive del Po. Uscendo dal viale che conduce sull’Enza girare a destra e poi ancora a destra sull’argine per Ghiarole. Seguendo per Colorno, si prosegue fino al ponte sull’Enza e si raggiunge Coenzo.
Da qui si può ritornare a Colorno oppure proseguire in direzione Sorbolo girando a sinistra.